Honda comincia i test sulla camminata assistita

Honda comincia i test su larga scala, rilasciando Esoscheletri che aiuteranno le vittime di ictus a riacquistare la mobilità perduta.

Si stima che negli Stati Uniti, l’80% di soggetti che hanno avuto un ictus hanno difficoltà a camminare normalmente, il Walking Assist potrebbe aiutare queste persone…

Honda walking assist esoscheletro Daniele Pirotta InnovativaMENTE

Honda walking assist

Grazie ad una serie di sensori che inviano informazioni ai motori del dispositivo, favoriscono la mobilità.
Al momento sono solo alcuni ospedali in Giappone a fruire dei dispositivi rilasciati in test da Honda, lo scopo del progetto è verificare l’utilità degli esoscheletri per i soggetti con disabilità agli arti inferiori, grazie ai feedback che otterranno potranno essere apportati ulteriori miglioramenti, sperando che siano presto rilasciati su grande scala.

Honda Walking

Honda Walking

Daniele Pirotta

Laureato in Economia e Commercio (Università Degli Studi di Palermo), sono un Agente Assicurativo iscritto nella sezione A del RUI, un Mediatore Civile e lavoro nel mondo dell’IT. Appassionato di tecnologia, Innovazione, Design e utilizzatore convinto di Linux (Ubuntu/Linux Mint), amo la musica classica, ho studiato pianoforte al Conservatorio di Trapani “Antonio Scontrino” e mi diverto a tradurre in musica le mie idee.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Lucia cardile ha detto:

    Eccezionale scoperta…peccato che i nostri cari disabili non riacquistato la felicità leggendo questi meravigliosi articoli…tanto speranza dovrebbe subito trasformarsi in possibilità di acquisto di questi speciali strumenti che cambierebbero la qualità della vita a milioni di disabili e alle loro famiglie . Sono una moglie che spera da trent’anni anni …e gradirei sapere dove posso acquistare un esoscheletro per arti inferiori colpiti in parte dalla sclerosi multipla. Grazie . A risentirci. Cordiali saluti

    • Daniele Pirotta ha detto:

      Grazie Lucia per il tuo commento, concordo pienamente con quanto da te affermato, spero che questa o altra tecnologia che possa migliorare la vita di tutti i giorni, debba essere resa disponibile quanto prima a tutti e ad un costo relativamente abbordabile, spesso però le cose vanno diversamente.
      Se qualcuno legge questo articolo e ha informazioni da aggiungere in merito….
      Ciao
      Daniele

Rispondi a Daniele Pirotta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *