TappLock il lucchetto con l’impronta digitale

TappLock il lucchetto sviluppato da Pishon Lab, che può essere sbloccato tramite il riconoscimento dell’impronta digitale.
E’ disponibile in due versioni, un più grande con una batteria che assicura una carica di tre anni ed è in grado ricaricare lo smartphone, la seconda, invece è una versione lite, TappLock Lite, di formato più ridotto, offre sei mesi di autonomia.
Entrambe le versioni integrano il sensore di impronte il principale elemento distintivo.

Il vantaggio rispetto ai tradizionali lucchetti è quello di non avere la necessità di ricordare la combinazione, lo svantaggio, vista la robustezza del lucchetto potrebbe essere quello causato da un malfunzionamento del dispositivo che ne determinerebbe l’impossibilità di aprirlo.
inoltre, nel caso di tentativo di violazione il dispositivo tamite interfaccia Bluetooth, comunica con gli smartphone dandone evidenza.
Per informazioni è possibile consultare la pagina ufficiale.

Daniele Pirotta

Laureato in Economia e Commercio (Università Degli Studi di Palermo), sono un Agente Assicurativo iscritto nella sezione A del RUI, un Mediatore Civile e lavoro nel mondo dell’IT. Appassionato di tecnologia, Innovazione, Design e utilizzatore convinto di Linux (Ubuntu/Linux Mint), amo la musica classica, ho studiato pianoforte al Conservatorio di Trapani “Antonio Scontrino” e mi diverto a tradurre in musica le mie idee.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *