Trachea stampata in 3D

Tre bambini sono stati salvati grazie ad una trachea stampata in 3D

Dopo due anni dall’impianto la vita di tre bambini è salva grazie ad una trachea artificiale realizzata su misura, con una stampante 3D, una vera rivoluzione se si pensa che fino ad ora la tracheobroncomalacia era considerata incurabile.

Il merito è degli scienziati del Mott Children’s Hospital di Ann Arbor (Stati Uniti).

Trachea-3d

Trachea-3d

La tracheobroncomalacia è una malattia rara che colpisce la trachea, gli anelli di cartilagine che formano il classico “tubo” collassano determinando una diminuzione del diametro della trachea con la conseguenza che la respirazione  diventa quasi impossibile e la persona è costretta a subire una tracheostomia e utilizzare un ventilatore meccanico.

Grazie alle stampanti 3D è stato possibile creare un’impalcatura capace di mantenere dilatata la trachea.

Daniele Pirotta

Laureato in Economia e Commercio (Università Degli Studi di Palermo), sono un Agente Assicurativo iscritto nella sezione A del RUI, un Mediatore Civile e lavoro nel mondo dell’IT. Appassionato di tecnologia, Innovazione, Design e utilizzatore convinto di Linux (Ubuntu/Linux Mint), amo la musica classica, ho studiato pianoforte al Conservatorio di Trapani “Antonio Scontrino” e mi diverto a tradurre in musica le mie idee.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *