Trasformare un appartamento in configurazioni diverse

In tutte le case ci si scontra con la questione dello spazio, risorsa limitata con la quale bisogna convivere ed ottimizzarla al meglio, una soluzione geniale è stata adottata ad Hong Kong  dall’architetto Gary Chang, che ha trasformato il suo appartamento di soli 32 mq in uno spazio capace di trasformarsi in 24 configurazioni differenti.

Gary Chang

Trasformare un appartamento in tantissime configurazioni diverse

Lo ha chiamato “Domestic Transformer” e rappresenta una vera innovazione nella progettazione degli spazi interni.

Le pareti si muovono su binari in acciaio, muovendo queste strutture lo spazio si trasforma: cucina, biblioteca, lavanderia, spogliatoio, una sala con un’amaca, una zona pranzo ed una vasca da bagno.

Trasformare appartamento

Trasformare appartamento

Le soluzioni adottate sono di altissimo livello, vasca da bagno Duravit, box doccia che funge da bagno di vapore con cromoterapia e massaggi, la toilet con una seduta riscaldata e bidet con telecomando, sono solo alcuni dei dettagli presenti un lusso che ha avuto un costo elevato… quasi 240 mila dollari.

Gary Chang Domestic Transformer

Domestic Transformer

Lo stesso Chang, ammette che l’acquisto di una nuova casa sarebbe stata una soluzione sicuramente meno costosa e che questo è da considerare come una sorta di sperimentazione nella gestione degli spazi interni.

Le pareti mobili ricreano ambienti diversi su facciate diverse, il dubbio che rimane è se viene sacrificato dello spazio in termini di profondità, se ad esempio da un lato si ha un armadio e dall’altro la parte studio come viene gestito?
e le sedie? le pareti mobili permettono di ampliare lo spazio disponibile facendo apparire il tavolo a scomparsa, ma le sedie dove vengono conservate?

Daniele Pirotta

Appassionato di Tecnologia, Innovazione, Design e utilizzatore convinto di Linux, amo la musica classica, ho studiato Pianoforte al Conservatorio di Trapani “Antonio Scontrino” e mi diverto a tradurre in musica le mie idee.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *