Ubuntu per smartphone

[heading] La distribuzione più popolare di Linux si prepara al debutto[/heading]

Ubuntu touch, operativo open source (nella versione desktop, è quello che comunemente viene definito Linux, perché basato su UNIX) sarà disponibile dal prossimo anno, cosa ci aspetta?

I primi smartphone Ubuntu phone, saranno disponibili dal 2014, anche se sembra che nei prossimi giorni sarà rilasciata una immagine del sistema operativo Ubuntu phone per il Galaxy Nexus.

A differenza di Android non farà affidamento su una Java Virtual Machine e secondo Canonical sarà in grado raggiungere velocità maggiori, mentre il supporto a html 5 sarà tale da promettere un’integrazione ancora mai vista, a questo si aggiunge un ampio supporto alla tecnologia di riconoscimento vocale.

Ubuntu-Phone

Ubuntu Touch è pensato per essere disponibile su più piattaforme possibili, dai dispositiviquad-core a quelli di fascia bassa.

I requisiti minime sono schermo multitouch, 512 MB di ram e processori single-core da 1 Ghz, sia di tipo Arm che x86.

[heading] Interrogativi[/heading]

Rimangono alcuni interrogativi:

Riuscirà a ritagliarsi un suo spazio vista l’altissima competizione in questo settore con Apple e Google che la fanno da padroni, Microsoft che cerca di guadagnare più posizioni possibili per non dimenticare poi Rim e Mozilla con Firefox OS.

disporrà di un numero di App che per qualità e numerosità soddisfaranno gli utilizzatori?

ci sarà una sorta di timore da parte dei nuovi potenziali utenti a scegliere un sistema basato su Linux (soprattutto per coloro che non hanno mai utilizzato un Sistema Operativo del Pinguino).

Daniele Pirotta

Appassionato di Tecnologia, Innovazione, Design e utilizzatore convinto di Linux, amo la musica classica, ho studiato Pianoforte al Conservatorio di Trapani “Antonio Scontrino” e mi diverto a tradurre in musica le mie idee.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 20 novembre 2013

    […] Il 21 Ottobre 2004 grazie alla scommessa di  Mark Shuttleworth nasceva il progetto Ubuntu… […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *