Un laser contro la dipendenza da cocaina

Antonello Bonci, ricercatore del National Institute on Drug Abuse di Baltimora ha pubblicato sulla rivista Nature una ricerca interessantissima, sconfiggere la dipendenza dalla cocaina grazie ad un raggio laser nel cervello…

stimolando la regione prelimbica situata nella corteccia prefrontale attraverso i raggi laser si riesce ad agire sul desiderio di assumere droghe, la ricerca ha dimostrato che un’ipoattività di questa’area del cervello, aumenta le probabilità di sviluppare forme di dipendenza. Riattivandone la funzione, si ottiene maggiore controllo che induce alla rinuncia volontaria alle sostanze stupefacenti.

Dipendenza-Cocaina

Dipendenza-Cocaina

Al momento la sperimentata è stata effettuata soltanto sui topi, ma presto verrà estesa agli esseri umani.
Se viene dimostrata l’efficacia di questa sperimentazione potrebbe rivelarsi una soluzione straordinaria alla lotta nell’uso compulsivo di droghe.

Daniele Pirotta

Laureato in Economia e Commercio (Università Degli Studi di Palermo), sono un Agente Assicurativo iscritto nella sezione A del RUI, un Mediatore Civile e lavoro nel mondo dell’IT. Appassionato di tecnologia, Innovazione, Design e utilizzatore convinto di Linux (Ubuntu/Linux Mint), amo la musica classica, ho studiato pianoforte al Conservatorio di Trapani “Antonio Scontrino” e mi diverto a tradurre in musica le mie idee.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. ALBERTO LO PRESTI ha detto:

    È se durante la procedura toccano le aree del cervello che controllano il desiderio sessuale?
    Potrebbe essere utile nel caso di stupratori e pedofili?
    Però si vede che a Baltimora non hanno un c….o da fare.

  2. Gianluca ha detto:

    Ma finiamola di prendere in giro la gente … chi parla di queste cose non conosce minimamente le realtà delle dipendenza !

    • Daniele Pirotta ha detto:

      Ciao Gianluca,
      grazie per aver dato il tuo contributo, il post riporta la notizia di una sperimentazione, trattasi quindi di studi ancora in corso, in nessun modo si sminuisce l’entità del problema.
      Saluti
      Daniele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *