Jeans vibranti

Dotato di due sensori vibranti all’altezza della cintura, connessi al vostro Smartphone via Bluetooth, offre nuove funzionalità per vivere in modo diverso i normali jeans

 

Abbigliamento high-tech grazie a Spinali Design un’azienda francese che ha presentato una collezione di jeans che possono essere collegati allo smartphone per darvi indicazioni stradali.

Oltre ad indicare quando svoltare a destra o sinistra è possibile sfruttare la vibrazione per usi diversi, ad esempio per avere indicazioni relativamente a messaggi ricevuti.

La vera novità è la funzione “ping”, che permette di attirare l’attenzione di qualcuno che sta indossando i jeans facendoglieli vibrare a distanza, ma perché usarla? Questa funzione potrebbe essere utile per attirare l’attenzione discretamente ad esempio, negli open space o per gli studenti.

La critica a questa funzione è che si rischia di essere “pingati” continuamente da estranei, magari mentre si cammina per strada. Nel caso di una discreta diffusione, la soluzione potrebbe essere quella di applicare dei filtri in modo da accettare “ping” solo da mittenti noti, ad esempio presenti nella rubrica.

Altra critica che viene fatta è relativa alla batteria che oltre a non essere sostituibile ha una durata di quattro anni, considerando però un utilizzo di una volta a settimana (non sono indicate in modo preciso le ore di utilizzo).

L’idea sembra carina ma potrebbe essere migliorata, ponendo infatti più attenzione alle critiche che sono state fatte, probabilmente si indurrebbe più facilmente il consumatore all’acquisto.

Daniele Pirotta

Laureato in Economia e Commercio (Università Degli Studi di Palermo), sono un Agente Assicurativo iscritto nella sezione A del RUI, un Mediatore Civile e lavoro nel mondo dell’IT. Appassionato di tecnologia, Innovazione, Design e utilizzatore convinto di Linux (Ubuntu/Linux Mint), amo la musica classica, ho studiato pianoforte al Conservatorio di Trapani “Antonio Scontrino” e mi diverto a tradurre in musica le mie idee.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *